I BENEFICI PER GLI ANZIANI

Giunti all'età della saggezza e della maturità, in una società che ha spezzato i legami tra le età della vita, gli anziani soffrono spesso di solitudine: il 10% delle persone tra gli 85 e gli 89 anni esce di casa meno di una volta la settimana o non esce mai; un sessantenne su tre non esce tutti i giorni. Ora, anche noi, come gli alberi, siamo esseri da contatto, abbiamo bisogno di scambi con i nostri simili per star bene. La pratica della silvoterapia è un modo per essere in contatto con il vivente. Poiché non è necessario fare un'escursione e addentrarsi in un bosco, le persone anziane possono praticare la silvoterapia sul limitare di un bosco.

Inoltre la pratica costante, almeno settimanale, del Forest Bathing procura numerosi benefici per la salute: ossigenazione, rallentamento dell'invecchiamento e stimolazione visiva che ha effetto sul morale. 

Inoltre la sedentarietà costituisce un rischio per la salute degli anziani, aumentando il rischio di malattie come cancro, disturbi al cuore e diabete di tipo 1, soprattutto quando si sta seduti per più di 10 ore al giorno. Ma non dobbiamo pensare di dover effettuare grandi sforzi o praticare sport per ottenere benefici: con attività fisica ci si riferisce a movimenti salutari. Gli esperti consigliano di alzarsi e camminare per 5 minuti ogni 20-30 minuti in cui si sta seduti e di effettuare almeno 10 mila passi al giorno.

Stare nella natura fornisce una scusa per muoversi di più. Anzi, è stato studiato che la presenza del verde stimola l'attività fisica: un risvolto molto positivo, in quanto lo sport in mezzo alla natura, che sia in un parco o in una foresta, diminuisce lo stress e migliora il mal di testa in misura maggiore di quando la si svolge in un ambiente urbano. 

 

Gli alberi da privilegiare sono... 

  • L'olivo è l'albero della longevità e, come la quercia, procura forza e purezza. 

  • Il faggio apporta serenità e fiducia. 

  • La quercia consente di ritrovare il proprio ancoraggio e la fiducia in sé, di rimettersi in forma ispirandosi alla sua forza, di trovare un equilibrio presso la sua potenza, di ritrovare la tranquillità. 

  • L'abete e il pino sono alberi molto dinamizzanti, che apportano energia, resistenza e, in questo slancio di energia, speranza. 

  • Il noce è l'albero della responsabilità e dell'autonomia. 

  • L’ontano ha effetti benefici su problemi di reumatismi e di paralisi. 

  • Il biancospino rinforzerà un cuore affaticato e permetterà di contrastare le aritmie cardiache e i problemi del sonno. 

  • L’acero solleva il morale in seguito a prove esistenziali difficili. 

  • Il tiglio è indicatissimo per chi vuole sentirsi protetto. E Libero della costanza dell'amicizia, della fedeltà nel corso del tempo.